Cerca

Carlo Molinari… Poesie dell'istinto.

Un mondo di tentata poesia

610

Pari a nuova sevizia

sul cuor mio

infierisci.

Ma non mi disorienti.

Soltanto sei

un indolente aleggiare.

 

Appena percettibile

il tuo zero.

 

 

2005

http://www.facebook.com/carlomolinaripoesia

Foto Pixabay.com

Come un parto cesareo

Chi eri tu, Calliope

da ispirare versi epici

d’antica rimembranza?

T’hanno implorata poeti

e fors’anche prosatori maledetti

nei secoli che han segnato

il dipanarsi dell’umano esistere.

Eppure ora mutano i nomi,

ma le muse, come sirene

e canti melodici marini,

non cessano d’urlare ai venti

le loro strofe intriganti.

E la mia mano ancor brandisce

una vecchia stilo e tratteggia,

scarabocchia su pallidi fogli

brandelli di cuore

aritmie d’un’anima

che mai s’è data per vinta.

 

Per riprendere ad affrescare

la tela d’immensità

che finalmente l’avvolge.

 

 

05/2017

http://www.facebook.com/carlomolinaripoesia

Foto Pixabay.com

Tuareg tra le tue dune

Vorrei abbeverarmi

al nettare della tua sensualità

carpirne sino all’ultima goccia

perché è di te che ho più bisogno,

la mia bocca ora è arida

disseccata in terra deserta

e di miraggi ed oasi

è priva ormai da sempre.

 

 

05/2017

http://www.facebook.com/carlomolinaripoesia

Foto Pixabay.com

In saecula seculorum

Artigli di passione,

dita che s’inerpicano

lungo i volti fradici

e si fondono tra i capelli.

Mani che scoprono

svelano via l’indicibile,

da secoli innominabile.

Membra che guerreggiano

senza colpi inferociti,

anime che trapassano

la volta celeste

di astri incastonata.

 

Ammantate d’infinito.

 

 

05/2017

http://www.facebook.com/carlomolinaripoesia

Foto Pixabay.com

Haiku 18.05

Fronde cariche

di passeri dormienti

e letti spenti.

 

 

05/2017

Foto Pixabay.com

http://www.facebook.com/carlomolinaripoesia

 

P.S. Uno si dice: “E’ mai possibile impiegare quattro giorni per scrivere un haiku di soli tre versi?”… Sì, è possibile: è quello che mi è capitato proprio con questo haiku. Ho inziato a scriverlo 4 notti fa, i primi due versi, ma poi non riuscivo in nessun modo a trovare la chiusa, a chiuderlo in un modo che non fosse nè banale nè scontato. Così ho lasciato il foglietto sul tavolo della cucina per 4 giorni ed ogni tanto, passando vicino, mi soffermavo e pensavo, ripensavo, ma niente. Stasera (alleluja!), mi è arrivata l’ispirazione fulminea dall’alto dei cieli! Un terzo verso che dà proprio l’impressione di una notte assolutamente ferma, dove tutti, compresi i passeri, dormono profondamente. Anche coloro che sui letti magari han fatto l’amore poche ore prima. Ma ora dormono… I letti “sono spenti”… Dulcis in fundo! 🙂

E la luna continua a sorridere

Come si cambia

quando un bocciolo tra le mani

detronizza le oscenità del passato.

Come ti trasformi

quando il frastuono di un bacio assolato

signoreggia sui soprusi d’un tempo.

Come muti pelle

quando la frescura delle libertà

ti solletica il viso sottovoce.

 

Tutta l’angoscia è affossata,

melma putrida di anni

da farti vomitare anche l’anima.

È un acre ricordo, e sa di zolfo,

e t’ha piantato cicatrici

su tutto il corpo or striato.

 

Come si cambia sì,

quand’anche la luna

continua a sorriderti.

Lei è rimasta sempre al suo posto,

eri tu invece sperduto

in deserti di occhi sprangati.

 

C’è alito di aria nuova.

 

E hai ripreso

a cantare

i tuoi passi.

 

 

05/2017

http://www.facebook.com/carlomolinaripoesia

Foto Pixabay.com

Cosa ho trovato? :-)

Hotel Astoria

Fragranza di erba recisa,

prato all’inglese

foriero d’eleganza.

Il buio ci fascia e resistono

luci sommesse in lontananza

a sancire uno scenario di pianura

che si tuffa nella tarda sera,

con un treno illuminato

che sfugge del tutto silente,

e suoni flebili d’un abbozzato

luna park di campagna.

In ogni dove è calma,

nirvana degli animi,

solo interludi d’invisibili grilli

allestiscono canti soavi

per un’estate ormai prossima.

 

C’eravamo solo noi,

fiati di brezza, e due calici

di vinello nostrano.

A rivelarci le nostre vite,

ad appianare miraggi

di realtà sempre più prossime.

Ed un cameriere indonesiano

che proferiva perfettamente

il nostro idioma,

tra ossequi di cortesia

ed accennate riverenze.

 

Tu lo sai, io non bramo lo sfarzo

ma vorrei donarti palpiti

di favola ed incanto,

e l’oscurità che t’ha spento

si dissolva così in afflitto ricordo

e tu, d’ora in poi, possa solo

riverberare rispecchiandoti

nei miei occhi sfavillanti.

 

Perché ti anelo

sempre di più

ad ogni mio sospiro.

E questo basta.

E questo è tutto.

E questo è noi.

 

 

05/2017

Foto scattata da me dall’Hotel Astoria, Susegana (TV).

http://www.facebook.com/carlomolinaripoesia

Forse un Edelweiss

In questa notte abbozzata,

ubriaca di caffè

e d’ambulanze schizzate

che fracassano muti silenzi,

lentamente visitano il buio

i tuoi occhi celesti,

imbevuti di leggiadria

e adombrati di mestizia,

tra scarmigliate chiome

color del grano incline al platino.

 

Un giorno forse m’inerpicherò

tra i prati delle Dolomiti,

freddati da raffiche,

e inseguirò per te

qualche fiore d’altura.

Sì, poi te lo scorterò

fino alle terre dei vulcani

e, ormai agonizzante,

lo potrai rinsecchire

tra i mille fogli cospicui

dei tuoi versi poetici.

 

E sarà subito

tempo di tornare

tra le mie verdi colline,

inzuppate di viti e a volte

anche di disgiunte greggi.

 

Un lieve tributo

per un domani

ancora da scrivere.

 

05/2017

Foto Pixabay.com

http://www.facebook.com/carlomolinaripoesia

Blog su WordPress.com.

Su ↑