Presentazione ACCADE (Carlo Molinari)

Presentazione della mia silloge ACCADE (Poesie d’un tempo fugace), venerdì 17, ore 18.00, presso la Biblioteca Comunale di Follina (TV), via Paradiso 11, con nota introduttiva della poetessa Annamaria Gazzarin (prefattrice del libro) e con letture poetiche del Gruppo di Lettura della Biblioteca di Follina (TV). Un grazie sentito ad Annamaria Gazzarin e al Comune di Follina per il gradito invito. Siete tutti invitati! Ad maiora semper!

Poesia in tutte le scuole! Firma la petizione on line!

Carissime amiche, carissimi amici,

abbiamo iniziato un’importantissima raccolta di firme on line con una petizione mondiale, seppur rivolta per il momento all’Italia: il Consiglio Direttivo di “Poeti2000 – Poetry in the World” promuove una raccolta firme da indirizzare poi al Ministro dell’Istruzione e del Merito on. Giuseppe Valditara, al fine che la Poesia sia presa in maggiore considerazione in tutte le Scuole della Repubblica Italiana e che possa essere considerata anche come “Materia Autonoma e Indipendente” di insegnamento e di studio, a tutti i livelli scolastici.

Chiediamo a tutti Voi di leggere la petizione (in italiano, spagnolo e inglese) presente nel nostro sito:

https://poeti2000.webnode.it/petizione-on-line/

Chiediamo a tutti Voi di firmarla e di condividerla in tutti i Vostri Social, contatti via email, Whatsapp e Telegram, secondo le istruzioni riportate nel nostro sito web.

Chiediamo anche di condividere questo post nei Vostri profili Facebook al fine di raggiungere il più alto numero di firme on line possibile.

Grazie a tutti per la collaborazione: portiamo la Poesia in TUTTE le Scuole Italiane! Grazie a chi ci sosterrà in questo grandissimo impegno culturale/sociale/umano.

Il Consiglio Direttivo di “Poeti2000 – Poetry in the World”.

Vieni, non tardare

Scosta le nuvole,

lascia che la luce allaghi

i tuoi occhi di marea.

Preparati, preparati tutta,

è il tempo dell’amore.

Cogli il segno del sole rinato,

ti sta baciando nel suo silenzio.

Vedo le tue braccia tenere

come rami, e germogli a venire.

Vedo i tuoi fianchi come prati

che s’ammantano d’iris e petunie.

Nel lago blu del tuo respiro

il cigno nero ora chiede fiducia.

Nel tuo sorriso di neve pura

s’allettano le anse d’un fiume

che in sé reca solo pesci vermigli.

Non cancellare l’unica anima

che mi resta tra le costole.

Da Roma a Pretoria,

dalla Senna al Mississippi,

da Firenze a Singapore,

dalla Bretagna all’Amazzonia,

da Vienna alla Foresta Nera,

io anelo al tuo volo di colomba.

Vieni, violetta di campo,

la sera ormai si veste di buio,

è il tempo dell’amore.

S’elevi un canto al cosmo

che ci ha ricoperti di galassie,

lune di sorriso raro, stelle attonite.

Ora è tempo di risplendere,

la notte è sincera, senza paure.

Aspettavo,

dopo tutte le angosce,

di poter esser

il tuo bacio di papaveri.

Carlo Molinari

Foto di Paolo Favretto

Credo nell’Azzurro

Quanto cielo oggi si sciacqua

su lenzuola orlate d’azzurro!

Il sole vagisce morbido, brioso,

ci profetizza, senza recar disturbo,

che presto rifulgerà la primavera.

Friniscono ricami e pizzi di primule.

Squillano su prati slavati d’erbe,

assetati d’evangeliche margherite

e spoglie mortali a succhiar l’eterno.

Così si va, tra risa inscatolate sugli occhi

e smanie d’un baciar chi più amiamo.

L’inverno ci ha perdonato lo sgomento

di tralasciar questa terra in preda al gelo.

Ci sporchiamo un po’ il viso di rondini,

dei roseti che verranno, polloni e petali

su canti d’allodole a sbiancar ogni sfiducia.

Avevamo ragione a credere

che la Primavera di Dio

non s’è mai ingiallita sui rami.

Carlo Molinari

Seni nella notte

Seni nella notte

a turbar la coscienza,

monsone asiatico

a spettinar la ragione.

Tu, mistica ninfea,

donna di luna,

figlia di costellazioni.

Afrodite, beltà

assetata d’aurora,

che mi pervadi

e poi mi sgomenti.

Seni nella notte

a far brace del cosmo,

soffio di gardenia

a soffocar i miei occhi.

Poesia di vestale

consacrata

nel tempio delle dee.

Tu che dissangui

ogni mio volere umano,

tu che pugnali a fondo

ogni mia noia mortifera.

Donna del bianco di nube

che affondi i tuoi colpi

senza ferir la mia volontà.

Tu che rendi bellezza

ad ogni impeto di pelle.

Seni nella notte

come vene da brivido,

aria che s’avvelena

del più dolce e tenero

morir fra le tue braccia.

Donna di vento

che nutri le mie foglie.

Tu che mai appassisci

e che germogli su di me.

Seni nella notte

a spezzar il mio silenzio.

Altare sconsacrato

per amanti

seminati sulla luce.

Voglia la luna

che tu mai sparisca,

voglia l’universo

che tu mai rinunci.

Io solo bramo carezze

di dalie e pervinche,

e gerbere, viole e calle.

Viva più dell’inverno,

bruciante più dell’estate.

Seni nella notte

a dirmi ch’è tutto vero.

Tu, santa e peccatrice

come me, invasi dall’oblio

d’un tempo già sepolto.

Protesi al tiepido d’aprile

dove tutto trionfa e si desta.

Donna di seni e di anima,

frumento e papavero,

marea e bonaccia.

Seni nella notte

a farmi vaneggiare

d’immensa leggerezza.

Parola e liturgia,

a sussurrar nel buio

una verità senza tempo.

Siamo

come un quadro

di Renoir.

Un cielo blu

che dipinge rondini

sparpagliate sulle labbra.

Carlo Molinari

Un giorno per ricordare

Tutto era silenzio.

Poi Dio creò l’Uomo.

Prim’ancora creò le foreste,

i mari, la neve, i fiumi, il nardo,

le azalee, i roseti, il crepuscolo.

La poesia delle stagioni, le nuvole,

l’emozione d’un bacio, la timidezza,

la Bellezza dell’universo, le conchiglie.

Il mistero dell’infinito, la Via Lattea,

l’abbraccio, la carezza e le farfalle,

le gerbere, i cavalli, la pace, l’armonia.

Gli alberi, i voli delle rondini, le stelle,

le margherite, la luna e le galassie,

i prati in fiore, la pioggia, il vento.

La notte, il giorno, l’aurora e i suoi colori,

l’arcobaleno, il dono della bontà, i delfini,

la purezza d’animo, l’onestà, l’equilibrio.

I boschi, l’onda, le montagne, le foglie,

le colline, gli atolli tropicali, la luce,

i passeri, il sole, i germogli, i ciliegi, il pesco,

il mandorlo, i giacinti, il sorriso e la libertà.

Poi l’Uomo mangiò la mela,

appese in croce Cristo,

creò Auschwitz,

e incolpò Dio d’aver creato il demonio.

Carlo Molinari

Tra strelizia e calycanthus

Iniziai a vivere

tra le strelizie e il calicanto.

Avevo ricci, occhi freschi,

mani sgomente

dalla furia dell’ansia.

Cercai di snodarmi

come potevo

dal torpore dei minuti,

nella dimenticanza coatta

dei giorni da bambino.

Fumavo il profumo dei miseri

ma avevo il sole celato

negli abissi delle ossa.

Pestato dal vento,

quando camminavo da solo

nelle anse morbide

dei porticati d’una città

che m’ha dato il suo seno di latte,

e la diafana carezza

d’una madre di nessuno.

Baciavo chi potevo,

tra un verso e l’altro,

scrivendo su fogli deturpati

da urla, spasimi, utopie, edere

che si rampicavano brucianti

su speranze crocifisse.

Avevo tanto mondo

da vivere,

tristezza da sciacquare.

Poi un giorno

compii cinquant’anni,

(tutti intorno a me) e decisi

di cessare di morire senza morire.

Presi tra le dita di sangue

una penna

e scelsi d’incontrare il sole.

Trovai il canto della luna,

il prato che partoriva azalee,

calle e anemoni.

Il silenzio della monaca,

la sfrenatezza dei germogli.

L’orgasmo muto dei ciliegi,

il volto d’un bambino ridente.

La luna, il cuculo, la tortora,

la siepe e l’infinito.

Libri su libri di cui nutrirmi,

la pietà del mio specchio.

Il volto di compassione

di mia madre,

le nevi brulicanti

sulle vette assonnate.

Guardai alla nube,

al passero, all’inferno,

ai miei demoni

e ai salmi degli angeli.

Decisi di brillare,

d’esser acqua ridente.

Avevo ancora in mano

una strelizia

e un ramo di calicanto.

Furono quelli a salvarmi

dalla tomba

prima d’essere tomba.

Ho vissuto il mio martirio,

ora sono tornato,

più bruciante che mai.

Ho in bocca il crepuscolo,

il bacio della notte d’eclissi.

Statemi alla larga,

se non fate l’amore col sole.

Siamo tutti nostalgie d’un cielo blu.

Carlo Molinari

Foto: copertina della mia prima silloge (1992)

Petizione on line!

Conegliano (TV – ITALIA), 23/01/2023

Petizione on line mondiale, promossa da “Poeti2000 – Poetry in the World” (Movimento Poetico Internazionale presente su Facebook, Instagram e YouTube), rivolta al Signor Ministro dell’Istruzione e del Merito della Repubblica Italiana, on. Giuseppe Valditara, affinché la Poesia venga insegnata come “Materia Autonoma e Indipendente” presso tutte le Scuole della Repubblica Italiana.

Egregio Signor Ministro dell’Istruzione e del Merito della Repubblica Italiana, on. Giuseppe Valditara, il Movimento Poetico Internazionale “Poeti2000 – Poetry in the World”, consapevole del ruolo fondamentale della Poesia nell’istruzione e nella formazione di tutti gli studenti di tutte le Scuole; consapevoli della validità spirituale e culturale della Poesia nel far sì che ogni singolo individuo possa trarre da se stesso ogni forma di Bellezza ed Emozione scrivendo e leggendo testi poetici; consapevoli dell’importanza dello studio della Poesia classica e di tutti i poeti e poetesse più importanti di tutti i secoli a livello internazionale; consapevoli che la Poesia in questi ultimi decenni sia stata relegata in ambiti secondari della conoscenza umana e che debba essere riproposta come materia di studio in tutte le Scuole per l’emancipazione e la libertà spirituale di ogni singolo individuo a livello mondiale; consapevoli che per ora questa nostra petizione è e sarà rivolta a Lei, ma che in futuro estenderemo anche a livello di Nazioni Unite (ONU); consapevoli, infine, che il nostro sarà un grandissimo sforzo per abbattere barriere di ogni tipo, specie di carattere pedagogico e culturale, CHIEDIAMO a Lei che la Poesia venga proposta come “Materia Autonoma e Indipendente” in tutte le Scuole della Repubblica Italiana. Confidiamo nel Suo interesse per questa nostra petizione on line e ci rivolgiamo a tutti gli uomini e le donne di buona volontà affinché questo nostro ideale culturale e umano sia promosso ed esteso a tutti coloro che vorranno far sì che la Poesia, Regina delle Arti, ritorni ad occupare il suo ruolo primario nella società italiana e in tutte le società a livello mondiale.

La ringraziamo per l’attenzione a noi rivolta e Le chiediamo che queste nostre firme on line non siano dimenticate né cadano nell’indifferenza sociale e culturale.

Con osservanza, distinti e cordiali saluti.

I promotori, Carlo Molinari e Consiglio Direttivo di “Poeti2000 – Poetry in the World”.

Appello rivolto a tutti i firmatari di questa petizione on line mondiale: Cari amici, Care amiche, vi chiediamo cortesemente di estendere questo nostro appello a tutte le vostre conoscenze a livello telematico, contatti e-mail, contatti Whatsapp e Telegram, Social Network, Gruppi, Movimenti culturali, Associazioni, Parrocchie, Gruppi e Fedi religiose di ogni tipo, uomini e donne di buona volontà, e che il tutto si svolga solo ed unicamente via telematica senza alcuna occupazione del suolo pubblico, grazie.

Nota bene: “Poeti2000 – Poetry in the World” non è un’associazione né una persona giuridica. Siamo un gruppo di appassionati di Poesia, aperto al pubblico, presenti nei Social principali del Web.

https://chng.it/HSP9jNjH

………………..

Conegliano (TV – ITALIA), 23/01/2023

Petición mundial en línea, promovida por “Poeti2000 – Poesía en el Mundo” (Movimiento Internacional de Poesía presente en Facebook, Instagram y YouTube), dirigida al Ministro de Educación y Mérito de la República Italiana, Sr. Giuseppe Valditara, para que la Poesía se enseñe como “Asignatura Autónoma e Independiente” en todas las Escuelas de la República Italiana.

Estimado Sr. Ministro de Educación y Mérito de la República Italiana, Sr. Giuseppe Valditara, del Movimiento Poético Internacional “Poeti2000 – Poesía en el Mundo”, conscientes del papel fundamental de la Poesía en la educación y formación de todos los estudiantes en todas las Escuelas; conscientes de la validez espiritual y cultural de la Poesía al permitir a cada individuo extraer de sí mismo toda forma de Belleza y Emoción mediante la escritura y la lectura de textos poéticos; conscientes de la importancia de estudiar la Poesía clásica y a todos los poetas y poetisas más importantes de todos los siglos a nivel internacional; conscientes de que la Poesía en las últimas décadas ha sido relegada a esferas secundarias del conocimiento humano y que debe volver a proponerse como materia de estudio en todas las Escuelas para la emancipación y la libertad espiritual de cada individuo en todo el mundo; conscientes de que por ahora nuestra petición se dirige y se dirigirá a usted, pero que en el futuro la haremos extensiva también a las Naciones Unidas (ONU); conscientes, por último, de que el nuestro será un gran esfuerzo para derribar barreras de todo tipo, especialmente de carácter pedagógico y cultural, SOLICITAMOS que la Poesía sea propuesta como “Asignatura Independiente y Autónoma” en todas las Escuelas de la República Italiana. Confiamos en su interés por esta petición nuestra en línea y hacemos un llamamiento a todos los hombres y mujeres de buena voluntad para que este ideal cultural y humano nuestro se promueva y se extienda a todos aquellos que desean que la Poesía, la Reina de las Artes, vuelva a desempeñar su papel primordial en la sociedad italiana y en todas las sociedades del mundo.

Les agradecemos su atención hacia nosotros y les pedimos que estas firmas nuestras en línea no caigan en el olvido ni en la indiferencia social y cultural.

Con observancia, saludos sinceros y cordiales.

Los promotores, Carlo Molinari y el Consejo de Administración de “Poeti2000 – Poesía en el mundo”.

Llamamiento dirigido a todos los firmantes de esta petición online mundial: Queridos amigos, Queridas amigas, os rogamos que hagáis extensivo este llamamiento nuestro a todos vuestros conocidos telemáticos, contactos de correo electrónico, contactos de Whatsapp y Telegram, Redes Sociales, Grupos, Movimientos Culturales, Asociaciones, Parroquias, Agrupaciones religiosas de todo tipo, hombres y mujeres de buena voluntad, y que todo ello se realice única y exclusivamente por vía telemática sin ocupación alguna de suelo público, gracias.

Nota: “Poetas2000 – Poesía en el mundo” no es una asociación ni una entidad jurídica. Somos un grupo de aficionados a la Poesía, abierto al público, presente en las principales redes sociales de la Web.

https://chng.it/HSP9jNjH

…………………

Conegliano (TV – ITALY), 23/01/2023

Worldwide online petition, promoted by “Poeti2000 – Poetry in the World” (International Poetry Movement present on Facebook, Instagram and YouTube), addressed to the Minister of Education and Merit of the Italian Republic, Mr Giuseppe Valditara, so that Poetry be taught as an “Autonomous and Independent Subject” in all the Schools of the Italian Republic.

Dear Mr. Minister for Education and Merit of the Italian Republic, Hon. Giuseppe Valditara, the International Poetry Movement “Poets2000 – Poetry in the World”, aware of the fundamental role of Poetry in the education and training of all students in all Schools; aware of the spiritual and cultural validity of Poetry in enabling each individual to draw from himself every form of Beauty and Emotion by writing and reading poetic texts; aware of the importance of studying classical Poetry and all the most important poets and poetesses of all centuries at an international level; aware that Poetry in recent decades has been relegated to secondary spheres of human knowledge and that it must be re-proposed as a subject of study in all Schools for the emancipation and spiritual freedom of every individual worldwide; aware that for now our petition is and will be addressed to you, but that in the future we will also extend it to the United Nations (UN); aware, finally, that ours will be a great effort to break down barriers of all kinds, especially of a pedagogical and cultural nature, WE REQUEST of You that Poetry be proposed as an “Independent and Autonomous Subject” in all the Schools of the Italian Republic. We trust in your interest in this online petition of ours and we appeal to all men and women of good will so that this cultural and human ideal of ours may be promoted and extended to all those who wish to ensure that Poetry, the Queen of the Arts, returns to its primary role in Italian society and in all societies worldwide.

We thank you for your attention to us and ask that these online signatures of ours not be forgotten nor fall into social and cultural indifference.

Sincere and cordial greetings.

The promoters, Carlo Molinari and the Board of Directors of “Poeti2000 – Poetry in the World”.

Appeal addressed to all the signatories of this worldwide online petition: Dear friends, we kindly ask you to extend this appeal of ours to all your telematic acquaintances, e-mail contacts, Whatsapp and Telegram contacts, Social Networks, Groups, Cultural Movements, Associations, Parishes, Groups and religious faiths of all kinds, men and women of good will, and that all this take place only and solely via telematics without any occupation of public land, thank you.

Please note: “Poets2000 – Poetry in the World” is neither an association nor a legal entity. We are a group of Poetry enthusiasts, open to the public, present in the major social networks of the Web.

https://chng.it/HSP9jNjH

A tutte le donne

Pettirosso

piumato d’immenso,

tu canti il tuo salmo

sul ramo del mandorlo,

il tuo trillo attende

la primavera assopita

tra le radici della terra.

Sei solo com’è solo il sole.

Ti abbandoni alla luce

senza lamentarti mai

degli artigli di tanto freddo.

Il tuo canto s’innalza

ai raggi appesi al cielo mite.

Spargi soavità, tanta briosità,

su chi frena il suo passo

ad ascoltare con devozione

il tuo suono intriso di vangelo.

Sei la bellezza incarnata,

benedizione del Padre Nostro

che s’è chinato su di noi,

consacrate polveri nel cosmo,

silenzio di silenzi ancestrali.

Tu canti e non ti turbi,

il tuo ramo di mandorlo

attende di specchiarsi ad aprile

nei colori più delicati,

amorosi, leggiadri, succulenti,

che sa dipingere la stagione

dei morti tornati in vita.

Vieni da uno spazio infinito,

dal seme piantato per amore,

a ricordarci che la vita,

anche nell’angoscia,

può mutarsi in salmodia

offerta alle genti.

Nel tuo petto scarlatto

si nascondono natura,

germogli, poesia, stupore.

Amabile pettirosso,

piumato d’immensità,

così soave ed intrigante

è il tuo volo

di malva e di gerbera.

Resto attonito, inebriato,

dinnanzi alla tua dolce sinfonia.

Tu canti la sapienza

che mai avrei sperato,

io così debole, schiavo del male

di questa terra di pianto.

Sul tuo ramo di mandorlo

non ti stanchi d’esser mitezza.

Non volarmi lontano,

io sono cenere e nostalgia,

di te ho bisogno

come dell’acqua e del pane.

Fammi posto, accanto a te,

sul tuo ramo di nidi, figli e amori.

Fa’ ch’io possa, dipinto di gioia,

attendere la stella assonnata

e cantarle, come fai tu,

il mio alleluia

ricolmo d’amore eterno,

per questa vita

che pare uno sbaglio

e che invece è un valzer,

dove si balla insieme

appesi alla morte,

nell’attesa

d’esser tutti una luce

che ammutolisce l’infinito.

Carlo Molinari

Contest: ancora 18 giorni!

  1. Poeti2000-Poetry in the World” organizza il Contest internazionale poetico dal titolo: “Versi di diamante”.
  2. Il nuovo Contest internazionale si terrà dal giorno 07/01/2023 al giorno 10/02/2023, entro e non oltre le ore 18.30 (ora italiana).
  3. “Versi di diamante” mira a promuovere la Poesia tramite il Web, alla ricerca di nuovi talenti e con l’obiettivo di premiare i poeti/esse che si distingueranno in tale Contest per la qualità, originalità, forma e sostanza delle poesie stesse presentate alla Giuria.
  4. Si può partecipare presentando una sola poesia (edita o inedita), lunghezza massima 50 versi (esclusi titolo ed eventuali spazi bianchi tra strofa e strofa). La poesia presentata deve avere un titolo: non sono ammesse poesie senza titolo.
  5. La partecipazione è gratuita.
  6. Si può partecipare con il proprio nome e cognome (non sono ammessi nomi d’arte, nick names o altro che non sia il proprio nome/cognome registrato all’anagrafe).
  7. La poesia presentata (a tema LIBERO) dovrà essere inviata a poeti2000@libero.it entro e non oltre le ore 18.30 del giorno 10/02/2023. Occorre inviare un’e-mail ALLEGANDO in un foglio Word la propria poesia presentata (oppure in altre forme (odt, txt…), esclusi i PDF che verranno non considerati validi ed eliminati. Sono ammesse SOLO le poesie presentate tramite allegato: le poesie che verranno presentate scritte nel corpo dell’e-mail verranno considerate non valide ed eliminate.
  8. Inviando la propria poesia il partecipante deve anche indicare nel corpo dell’e-mail il proprio nome e cognome e la propria e-mail.
  9. La Giuria è così composta: Maria Alejandra Teresa Alburjas (amministratrice di “Poeti2000 Venezuela”), Anna Maria Antonietta Sarra (poetessa), Caterina Alagna (poetessa), Adolfo Nicola Abate (poeta e giornalista), Alberto Baroni (poeta e video maker), Carlo Molinari (poeta e fondatore di “Poeti2000-Poetry in the World”).
  10. Il giudizio della Giuria è insindacabile e inappellabile.
  11. La Giuria voterà ogni singola poesia presentata esprimendo un voto da 1 a 10.
  12. Le premiazioni avverranno on line il giorno 13/02/2023 alle ore 9.30: verranno pubblicati i nomi dei primi tre classificati e dei poeti/esse che hanno ottenuto i Premi Speciali (vedi artt. seguenti). Le premiazioni on line avverranno nella pagina Facebook di “Poeti2000-Poetry in the World” e nel sito web del movimento poetico http://poeti2000.webnode.it.
  13. Le poesie premiate e classificate resteranno visibili nella pagina Facebook di “Poeti2000-Poetry in the World” per UNA settimana (post fissato in alto) e per UN MESE nel sito web del movimento (con apposita pagina/link consultabile in ogni momento accedendo a Google).
  14. PREMI in palio: il PRIMO CLASSIFICATO riceverà il diploma di “Versi di diamante” (“Medaglia d’oro virtuale”) via e-mail entro il giorno 13/02/2023. I diplomi saranno realizzati dalla scrittrice Anna Rita Pani.
  15. Il SECONDO CLASSIFICATO riceverà il diploma di “Medaglia d’argento virtuale”, il TERZO CLASSIFICATO riceverà il diploma di “Medaglia di bronzo virtuale”. Gli altri poeti/esse classificati riceveranno un diploma secondo i seguenti criteri: al quarto classificato verrà assegnato il “Premio della Giuria”; al quinto classificato verrà assegnata una “Menzione d’Onore”; al sesto classificato verrà assegnato il “Premio di Qualità”. A tutti gli altri partecipanti non classificatisi nelle prime sei posizioni di classifica verrà assegnato un diploma di partecipazione. Sono ammessi gli ex aequo secondo le votazioni espresse dalla Giuria. Tutti i diplomi verranno inviati ai partecipanti entro il giorno 13/02/2023.
  16. Viene istituito anche il Premio “Miglior poesia straniera”, da assegnare alla poesia straniera che otterrà dalla giuria il punteggio maggiore. Il premio consisterà in un diploma che recherà, appunto, la menzione del poeta/poetessa vincitore/vincitrice e la dicitura “Migliore poesia straniera”.
  17. I poeti classificati dal primo al terzo posto potranno partecipare ad una Diretta Instagram che si terrà in data da destinarsi e dove verranno lette le poesie classificate, o dagli stessi partecipanti oppure da membri scelti di “Poeti2000-Poetry in the World”.
  18. Il vincitore del Contest Internazionale “Versi di diamante” verrà omaggiato/a con un video prestigioso appositamente creato dal poeta e video maker Alberto Baroni, video che sarà messo on line nella pagina Facebook di “Poeti2000-Poetry in the World” in data da destinarsi, comunque quanto prima.
  19. Il vincitore del Contest Internazionale “Versi di diamante” potrà, inoltre, se lo vorrà, partecipare come giudice al prossimo Contest indetto dal nostro Movimento Poetico. Se parteciperà come giudice non potrà concorrere al prossimo Contest con nessuna sua poesia.
  20. Il vincitore del Contest internazionale “Versi di diamante”, se lo vorrà e con dichiarazione scritta a poeti2000@libero.it, potrà essere inserito nell’eventuale prossima antologia che pubblicherà “Poeti2000-Poetry in the World” (in modalità e data eventuale da decidersi, se e quando sarà possibile).
  21. Il nuovo Contest Internazionale è aperto ai soli maggiorenni e si terrà in lingua italiana: possono partecipare anche cittadini stranieri che, tuttavia, dovranno presentare la loro poesia tradotta in lingua italiana, pena l’esclusione.
  22. I partecipanti manterranno i diritti d’autore per quanto riguarda la poesia presentata e saranno liberi in qualsiasi momento di pubblicarla in altri gruppi, siti web, libri, sia autonomamente sia con case editrici.
  23. Per ogni domanda e/o chiarimento si prega di scrivere a poeti2000@libero.it.
  24. Su richiesta del partecipante, tale bando potrà essere inviato via Messenger e/o via e-mail.
  25. I partecipanti al Contest Internazionale di “Poeti2000-Poetry in the World” “Versi di diamante” accettano totalmente ogni articolo presente in questo bando.
  26. Questo bando è stato redatto in data 02/01/2023 dal Consiglio Direttivo di “Poeti2000-Poetry in the World”, ed è suscettibile di eventuali variazioni che verranno comunque e tempestivamente comunicate tramite la nostra pagina Facebook italiana.

Così tanto m’acquieto

Donna di tulle, crema di luna,

al mio cospetto poni i tuoi occhi

e son così sinceri, così morbidi

che paion laghi in cui immergersi

e nuotar tra coralli, stelle marine,

placide sirene, che ai corpi celesti

inneggiano, e forgiano l’argilla

dell’anima, gravida di tal bellezza.

Mi barcollano i sensi e con essi

tutte le mie fatali spoglie eterne,

se solo penso d’averti ancor qui

nel mio giardino, dove ticchettano

foglie morte e sementi di calicanto.

Le mie dita scavano l’odorosa terra,

cercano le tue caviglie di rosa pastello

e tutta la pelle tua di bacche e aurora.

Indagano tra le radiche il soffio tenero

del tuo passo ancestrale, le tue cadenze,

quel che di te mi offri, come su d’un’ara

ove si consuma la secolare arte d’amore.

S’acquieta la frenesia mia, trova senso

il mio affannato respiro e anch’io rifulgo,

come il tuo sorriso di candida pietra,

levigata dal muto refolo dell’avvenenza.

Resto attonito nel mirar tutto questo

e se ne compiace il mio alito vitale,

così inquieto, che al suon della tua voce

trova l’arenile in cui posarsi e adagiare

ogni amarezza d’un viver buio e assolato.

Si sbianca una stella, inspira l’immensità,

ed io, così tanto son lieve e melodioso,

che l’anima tutta ora lambisce il sidereo

e di esso è partecipe e sì tanto sgomenta.

Carlo Molinari

Il mio nome è Haddas (video)

Buongiorno, ci avviciniamo al Giorno della Memoria (27 gennaio): oggi vi presento un semplice video che ho realizzato all’alba. La poesia contenuta è “Mi chiamo Haddas” (recitata da Rodolfo Vettor, Premio alla Carriera): è una poesia dell’anno scorso ed è il mio piccolo contributo per non dimenticare quello che non dovrebbe essere mai accaduto. #giornodellamemoria #pernondimenticare #shoah

Il regno della Bellezza

Questa notte milioni e milioni

di fiammelle illuminano le stelle.

Non esiste più il buio fosco e tetro

ma un ciclone di luce che condanna.

Sono tutti i morti usciti dall’Ade

che guardano senza nessuna parola.

Un mare sterminato di uccisi, insultati,

ingannati, violentati, appesi alla forca.

Il fuoco si spegne e strepita il silenzio,

non c’è più niente da dire, solo vergogna.

Chi non ha mai compreso il linguaggio

dei derelitti assassinati dagli oppressori

e da mani sudice, perverse e scellerate,

è già sfracellato all’inferno dei maledetti.

Venite, c’è ancora posto per gli accecati

che non hanno mai voluto vedere.

Venite, c’è ancora posto per gli ossessi

che non hanno mai voluto ascoltare

l’urlo dei poveri, sepolti in questa terra

che doveva essere il regno della Bellezza.

Lasciateci qualche goccia di sangue,

qualcuno di noi vuole provare ad amare.

Carlo Molinari

Inizia con un blog su WordPress.com.

Su ↑