Cerca

Carlo Molinari… Scrivere secondo istinto.

Cercando di fare un po' di poesia

Mese

febbraio 2017

E non si canta più in primavera

E non si canta più in primavera.

 

Le rondini gemono invischiate

tra ciuffi di rovo,

anche il pianto delle vedove

tace in un silenzio spettrale.

 

Il giorno è afono,

inesplicabile.

Le bancarelle rionali

nulla più svendono,

non si canta più in primavera.

 

Si tace e ci si rimbocca

le miti trapunte.

 

Per non patir più

i suoni dell’afflizione.

 

2009

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Annunci

Labirinti

Recluso nei miei dedali

scorro tra i recessi del cuore.

Una lacrima irrora l’occhio

ma di cadere

non ha più la forza.

 

2008

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Senryū 27.02 – Amare è anche questo

Tenacia, grinta.

Davanti al dolore

non abbandono.

 

2017

Foto copyright free, http://www.pixabay.com

 

“Mentre aspetto che ritorni” (Renato Zero)

Mentre aspetto il tuo ritorno

Metto in ordine le idee

Non so davvero in quale fortunato giorno

Da quella porta spunterai

Ho aggiustato il lavandino

E lo stereo finalmente va

Sono un uomo pieno di risorse in fondo

La vita mi conosce già

Sono qui che ti aspetto

Perché ho voglia di vincere

Non c’è altro che vorrei

Rincontrare gli occhi tuoi

Cancellarmi e rinascere

 

Ovunque sei

Ti mancherà la mia complicità

Ovunque sei

Qualunque faccia mi somiglierà

Ovunque sei

Ti impegnerai per non amarmi più

Testardo io

Che quella fede non l’ho persa mai

Accetterò da te qualunque verità

 

Sarà come la prima volta

Impacciato starò lì

Cercando di strapparti una risposta

Un meraviglioso “sì”

Ogni amore ha i suoi tarli

Ogni storia ha i suoi limiti

Resistenze non farò

Se destino accetterò

Anche il rischio di perderti

 

Ovunque sei

Di maledirmi non stancarti mai

Quello che vuoi

Ma questo cuore sanguina lo sai

Vigliacchi noi

Ci consegniamo a questa realtà

Vivremo poi

Con questo dubbio per l’eternità

Svegliarmi dovrei

 

La casa è aperta torna quando vuoi

Mi trovi qui

Perché non voglio perderti così

Mille altre volte ricomincerei

Ancora ti perdonerei

La voglia c’è

È sempre viva questa nostalgia

Di te

Ovunque sei

Mi manchi…

 

http://www.youtube.com/watch?v=0B9FM5IvqE0

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Armistizio

Acerbo patire,

non tollero più

di rincasare muto e preda

degli spettri del passato.

Fuori c’è un tenuo sole,

in me ancor alberga

battaglia e lotta acerrima

per non rimetterci l’amore.

L’ho rinvenuto dopo anni

di penare dissennato,

ora non lo cedo a nessuno.

 

Eppur ti bacio.

Ti bacio ancora.

Spero.

 

2017

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Due notti in pensione

Quest’odio di silenzio bastonato

stilla impregnante sui capelli,

come sangue delle discordie.

E quel prato d’amore

(o d’ipocrisia umana?)

di sapore aperto,

nei colpi d’occhio smaglianti,

pare ormai melma putrida

e i piedi vi affossano lentamente.

La muffa delle meschinità

ci ha ragnatelato le labbra.

Tutto affossa,

tutto si perde nel dolore.

Ma la testa lotta e digrigna,

si contorce e urla all’aria

come mostro bambino ferito:

respirali quegli occhi gonfi!

Ricordi, miserabile?

C’era un prato di rose.

Ora, un muro di cemento:

ma tu hai il piccone

del perdono in mano.

 

Firenze, 1991

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Haiku 26.02 – Solo silenzio

Sera frizzante

tutto ammutolisce

resta dolore.

 

2017

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

“Ti lascio una canzone” (Gino Paoli)

“Finito il tempo di cantare insieme

si chiude qui la pagina in comune,

il mondo si è fermato io ora scendo qui

prosegui tu ma non ti mando sola.

Ti lascio una canzone

per coprirti se avrai freddo

ti lascio una canzone

da mangiare se avrai fame

ti lascio una canzone da bere

se avrai sete

ti lascio una canzone da cantare

una canzone che tu potrai cantare a chi

a chi tu amerai dopo di me

a chi tu amerai dopo di me.

Ti lascio una canzone da indossare sopra il cuore

ti lascio una canzone da sognare quando hai sonno

ti lascio una canzone per farti compagnia

ti lascio una canzone da cantare

una canzone che tu potrai cantare a chi

a chi tu amerai dopo di me

a chi non amerai senza di me”.

 

[Writer(s): Gino Paoli, Giuseppe Vessicchio]

Gennaio 2015 – Febbraio 2017

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Senryū 26.02 – Fine corsa

Ancora vesti

troppe problematiche,

sosta distante.

 

2017

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Senryū 25.02 – Versetti finali

Ardente pietà

per chi ha fracassato

troppe attese.

 

2017

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Ed io danzo senza sosta

Notte fonda, di stelle brumosa,

a te s’erigono le mie pensate

il mio intricarmi

tra le fresche lenzuola.

Di sigillare le palpebre

non ne voglio sapere,

di mitigare questo spirito

a volte indefesso

non se ne discute.

Non coabito

fra le legioni dei santi

ma mi colgo, ora dopo ora,

tra il drappello degli ostili,

fors’anche peccatori.

E mi sta bene così.

Per adesso.

Ingordo di riavvolgere

il nastro della mia vita

e ancora vagabondare.

 

Rotaiare verso la Caput Mundi,

prendere il volo sopra i nembi,

smarrirmi nelle azzurrità

e deporre ancor il mio

chiodoso corpo in lande straniere.

 

Can I have a coffee, please?

It’s two pounds, sir.

Voilà, à vous…

Merci bien, Monsieur.

 

Questa notte va così,

non anelo a sdraiarmi

ma a ricalcare

nuovi boulevard.

Non più inchiodato

alla sedia della cucina,

non più oppresso

da urlate e rimproveri.

 

GAME OVER!

 

È solo un ripugnante paragrafo

dei miei lustri trascorsi

che mi ha brandellato

mi ha larvizzato per decenni.

La pietra tombale

è rotolata via

frantumata in miliardi

di schegge sbigottite.

E me ne sbatto se non dormo!

 

Trascorrerò il resto della notte

ad annusare la foschia

a decantare le mie nuove impronte

a danzare tra le stanze

di questa casa vuota.

 

Con o senza di lei.

 

2017

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Senryū 24.02– Labyrinths inside me

Ringhiosi cani

azzannatemi pure,

so di veleno.

 

2017

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Senza titolo

“Mi disse: “Figlio dell’uomo,

alzati in piedi,

ché ti voglio parlare”.

Mentr’Egli parlava

venne in me uno spirito

che mi fece alzare

in piedi e ascoltai

Colui che mi parlava”.

(Ezechiele 2, 1- 2)

 

Tutto va a spegnersi.

Come candela

consumata,

di scintillio la fiamma

or in agonia.

Di abbandono

scialba la fede

e il coraggio di tentare.

 

2008

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Haiku 24.02 – Dans les nuages

A passo lento

errano gli amori

ancor ribelli.

 

2017

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Haiku 23.02 – The final countdown

Sbarca la sera

sopra troppe galassie,

astri esplosi.

 

2017

Foto copyright free, http://www.pixabay.com.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Fino a Te

Amarti è l'immenso per me.

A Place For My Head

La vita è una commedia per coloro che pensano e una tragedia per coloro che sentono.

Tripambitions

It contains the world best places and things.

Lost Route

Riscopriamo la bellezza della natura, camminando. Itinerari e percorsi adatti a tutti gli escursionisti, prevalentemente nella nostra bellissima Toscana.

La chimica delle parole

L'unica cosa certa è il cambiamento

Luce nel buio

La crisi dei 40 anni in anticipo!

Paroledipaola

sospesa tra finzione e realtà

Lea e l'Inchiostro

L'odore dei libri. Le mani sporche di inchiostro. Ho iniziato a leggere quando ho capito che la mia vita non mi sarebbe bastata.

Argentoblu

Bon ton nella moda

Un Po’ Di Me e Dal Web

Lui fa il sogno lei fa la piuma loro volano

Paradisi Artificiali

Parole in libertà

Oniricosite

I miei sogni sono irrinunciabili , sono ostinati , testardi e resistenti . Luis Sepulveda

Il sogno nascosto❤

"L'amore non conosce barriere. Salta ostacoli, oltrepassa recinzioni, attraversa pareti per arrivare alla sua destinazione, pieno di speranza."

TYT

il lavoro debilita l'uomo e la donna

duepunti

Punto, due punti, ma sì, fai vedere che abbondiamo, abondantis adbondandum.

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

Monday sun

oggi voglio essere

normagiumelli

Le mie passioni

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

chiarasaracino's Blog

essere distanti

Adriana Mirando Artista

L'arte, una scorciatoia tra noi e i nostri sogni.

Frammenti di emozioni

Impressioni di un'anima errante

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

°Conto alla rovescia°

•Scegli i tuoi pensieri con attenzione, sei tu il creatore della tua vita•

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

" una, nessuna e centomila"

essere o non essere, questo è il dilemma.

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Citazioni Della Mia Mente

"Aut insanit homo, aut versus facit." (Orazio)

Beauty From Darkness.

Non pretendo che la Gioia non possa unirsi alla Bellezza, ma affermo che la Gioia ne è uno degli ornamenti più volgari, mentre la Malinconia ne è, per così dire, l'illustre compagna: al punto che non riesco a concepire (il mio cervello è forse uno specchio magico?) un tipo di Bellezza senza l'Infelicità. [Baudelaire]

Rupestreblog

∃x(φ)

Pulsartist

ritmi d'arte di A. Leda

Klau, The Dragon Coach

Desenvolvimento pessoal e espiritual em prol de uma vida melhor